Ortho-Bionomy®: implicazioni sociali e filosofiche delle 7 Fasi – 1° parte

Ortho-Bionomy®: implicazioni sociali e filosofiche delle 7 Fasi – 1° parte

Nota: “Questa rappresentazione simbolica delle 7 Fasi è come le linee che vediamo nel mirino delle nostre macchine fotografiche. Quelle linee che vediamo ci aiutano a inquadrare meglio le immagini e i panorami che desideriamo immortalare, ma non appariranno nella foto sviluppata. Questa è una delle idee che stanno alla base della filosofia pratica dell’Ortho-Bionomy”.

sette fasi ortho-bionomyL’immagine che vediamo è la seguente: la Terra è in basso, e il Cosmo è in alto, ma la Terra è dentro al Cosmo, quindi il senso di alto e basso deve essere considerato come relativo.

Tra la Terra ed il Cielo, come viene descritto nella filosofia dell’I-Ching, tutto avviene: la vita cresce, si evolve, ha luogo.

Arthur ha indicato un’architettura precisa. L’ha costruita su 7 livelli o, come era solito chiamarle, Fasi. Ha solamente indicato la possibilità di una ottava Fase (“Fase 8 – dovremo aspettare!”), ed io aggiungerò, per un senso di simmetria che se si può concepire una Fase 8 allora possiamo avere una Fase 0. Ma entrambe sono invisibili o differenti dalle altre Fasi, come l’Ultravioletto e l’Infrarosso sono relativi ai sette colori ma non sono esattamente colori.

L’immagine nella parte bassa è formata da una ripetizione, tre rettangoli uno sopra l’altro. Questo rivela una struttura chiusa, un sistema che dà poco spazio all’evoluzione e all’espansione.

Tutti sappiamo che la definizione che Arthur ha dato all’Ortho-Bionomy era: “L’evoluzione del concetto originale”. Arthur ha anche descritto i “sette handicap”, ed era una parte importante dei suoi insegnamenti, e un capitolo del libro che stava scrivendo alla fine dei suoi giorni: “La Storia e la Filosofia dell’Ortho-Bionomy”.

Metaforicamente i sette handicap sono come un coperchio invisibile che il sistema ha messo sulla Fase 3, per mantenere i corpi umani sotto alla sua protezione e controllo. I politici, i capi religiosi, i dottori, i professori, gli anziani nelle nostre famiglie.

Salendo ancora, notiamo che al centro si trova l’immagine del Sand Dollar, il simbolo che Arthur scelse per l’Ortho-Bionomy. Molti simboli esprimono la possibilità di evoluzione, di liberazione dal coperchio del sistema chiuso. Per questo motivo si trova nel centro dell’immagine. Siamo tutti nati in un sistema, identificato dai tre rettangoli in basso, ma ognuno di noi possiede l’abilità potenziale per una evoluzione personale, che può anche diventare sociale e collettiva.

Ogni creatura vivente può avere un momento simbolico che denota un cambiamento nella sua vita. L’incontro con un Maestro spirituale, un Insegnante, la lettura di un libro particolare, un viaggio in un paese straniero, anche una conversazione con uno sconosciuto su un treno, o incontrare Arthur e l’Ortho-Bionomy.

Per un animale, un padrone molto amorevole potrebbe rappresentare questo simbolo, la possibilità di un’evoluzione, dato che sarà libero dalle preoccupazioni e ansietà collegate alla sopravvivenza.

Un’evoluzione simile è come un balzo, un’apertura della mia consapevolezza, e quel balzo è la distanza tra la terza e quarta striscia. Il Sand dollar non è una delle Fasi, ma la manifestazione di un simbolo, di un principio, di un’intuizione come tante altre nella storia: il Tao, la Croce, la Stella di Davide, l’OM, e molti altri.

Arthur ripeteva spesso che gli umani non possono eliminare i riti ed i simboli dalla loro esistenza quotidiana.

Dove possiamo arrivare con quel balzo?        continua………

A cura di: Alex Lattanzi

Lascia un commento

Send this to a friend